• , , ,

    Come pulire il climatizzatore dell’auto

    Il caldo è finalmente arrivato e iniziamo a sentire l’esigenza di attivare i climatizzatori dell’auto. Ricordiamoci però che l’aria che esce dai bocchettoni proviene dall’esterno e quindi può essere ricca di sostanze nocive e inquinanti. Per questa ragione è importante pulire regolarmente il climatizzatore e in questo articolo vi spiegheremo come.

    1. Pulire i filtri
      I filtri sono un elemento importantissimo per il climatizzatore dell’auto, questi servono a purificare l’aria sporca proveniente da fuori, per questa ragione però, possono ostruirsi con il tempo. Per risolvere il problema è necessario rimuoverli (consultate le istruzioni per farlo), poi puliteli utilizzando un detergente apposito e un aspiratore. Aiutatevi anche con un panno come Asciugapiù, delicato sulle superfici. Una volta l’anno, inoltre, è buona norma cambiare i filtri per assicurarsi che funzionino sempre al meglio.
    2. Attenzione al cattivo odore dell’aria
      Può capitare che, accendendo l’aria condizionata, avvertiamo cattivo odore provenire dai bocchettoni. Oltre al filtro, quindi è utile pulire anche loro periodicamente nebulizzando. Per farlo vi occorrerà uno spray apposito, dopodiché smontate il filtro e nebulizzate per circa 60 secondi nel vuoto rimasto. Assicuratevi di tenere i finestrini abbassati e il sistema di aerazione acceso sull’aria fredda, al minimo. Dopo aver svolto questa operazione, tenete accesa l’aria per circa 5 minuti in modo da far agire bene il prodotto e fate arieggiare l’abitacolo per un po’.

    Per la pulizia del resto dell’auto, noi vi suggeriamo di ricorrere ai panni Colors 8pz che, grazie alla varietà di colori, vi permetteranno di distinguerli in base al loro utilizzo: finestrini e parabrezza, interni, sedili, ecc..

    Se questi consigli vi sono stati di aiuto, fatecelo sapere!

  • ,

    5 oggetti che (forse) non sapevi fossero così sporchi

    Quante volte al giorno sentiamo la necessita di lavarci le mani? Dopo aver preso i mezzi pubblici, dopo essere stati in bagno o dopo essere stati a contatto con particolari oggetti esterni. Questo perché germi e batteri sono sempre in agguato, ma forse troppo spesso dimentichiamo che questi proliferano anche in casa nostra. Ecco qui una serie di oggetti che usiamo tutti quotidianamente e che forse non sapevamo essere così sporchi. In questo articolo vi spiegheremo come eliminare ogni traccia di germi e batteri.

    1. Pulite con le spugne, poi pulite le spugne
      Con le spugne è così, un circolo vizioso di germi. Queste contengono circa 10.000.000 di batteri a causa dei resti di cibo, olio e grasso. Più usiamo le stesse spugne, più rischiamo di sporcare invece che pulire. Il nostro consiglio è quello di utilizzare la nostra nuova spugna Ultrafresh 2+1, con doppio trattamento antibatterico per una doppia protezione che rende l’abrasivo più igienico più a lungo e di ricordarci di sostituirle frequentemente.
    2. Lavate e asciugate i rubinetti
      Incredibile ma vero, i rubinetti, che sembrerebbero uno dei posti più puliti del nostro bagno, in realtà sono un vero e proprio covo di germi. Volete sapere perché? Dopo aver utilizzato il wc, apriamo il rubinetto per lavarci le mani, trasportando su di lui i germi del gabinetto. Dopodiché, con le mani pulite, richiudiamo il rubinetto tornando così in contatto con i germi e i batteri che avevamo lasciato sul rubinetto.
      Il nostro consiglio è quindi quello di lavare frequentemente i rubinetti e asciugarli dopo ogni uso, per esempio con Panno Microfibre Bagno, l’umidità è alleata dei batteri e ne aiuta la crescita.
    3. “Congelate” i peluche
      Se avete dei figli piccoli, sappiate che i peluche possono essere molto pericolosi per loro, questi infatti sono un vero e proprio nido di germi e batteri. Per quanto sembri strano da dire, “congelarli” è la soluzione migliore per eliminarli, in quanto le basse temperature li uccidono. Per questo vi suggeriamo di metterli in un sacchetto e infilarli in freezer per un uno o due giorni dopodiché lavateli in lavatrice.
    4. Cambiate il pigiama
      Molte persone tendono a tenere lo stesso pigiama per più di una settimana, in realtà questo può causare infezioni alla pelle o alla vescica. Durante il sonno infatti, non solo perdiamo la pelle morta, ma perdiamo anche molto sudore, tutto ciò viene quindi riverso sul nostro pigiama. Il nostro consiglio? Cambiatelo ogni 3 giorni!

    5. Anche ai germi piace la moda
      Le borse, oltre che i nostri effetti personali, trasportano migliaia di germi. Fermatevi un attimo a pensare a tutti i luoghi in cui le avete appoggiate: mezzi pubblici, pavimento, bagni, ecc… Ricordatevi che è quindi necessario prendersene cura e pulirle attentamente in base alle loro esigenze. Potete ad esempio utilizzare un panno, come Universal e prodotti contenenti aceto per eliminare ogni batterio.

    Conoscevate le minacce nascoste in questi oggetti?

  • , , , , ,

    Olio di cocco ed è subito primavera!

    L’olio di cocco è un ottimo rimedio per moltissime situazioni, oltre che utile contro pelli e capelli secchi, è ideale per le pulizie e ha una fragranza assolutamente estiva e irresistibile. Vediamo adesso come questo portentoso alleato può aiutarci nelle faccende domestiche.

    1. La doccia
      Sapevate che l’olio di cocco può essere utilizzato per pulire la doccia? È un ottimo detergente da utilizzare con un panno come Panno Microfibre Bagno e lascia un profumo di fresco e pulito.
      Per completare l’opera, se volete rimuovere il calcare potete ricorrere a Magical.
    2. Ogni tipo di pelle
      Oltre a idratare la nostra pelle, l’olio di cocco nutre anche la pelle degli oggetti: dalle scarpe alle borse. Passate prima un panno umido sulla superficie e successivamente un panno imbevuto di olio di cocco. I vostri oggetti torneranno come nuovi!
    3. Le macchie
      Se avete scovato delle macchie sui vostri vestiti o sulla tovaglia, versate qualche goccia di olio di cocco e strofinate con Panno Universal.
    4. L’argenteria
      Incredibile ma vero, l’olio di cocco è ideale per far tornare a splendere l’argenteria annerita. Anche in questo caso aiutatevi con Panno Universal.
    5. Il parquet
      Se il vostro parquet ha perso la lucidità di un tempo, niente paura! Utilizzate l’olio di cocco e strofinate, poi lucidate con un panno pulito come Panno Pavimenti Microfibra parquet.
      Assicuratevi poi che il pavimento sia completamente asciutto prima di camminarci sopra, altrimenti vanificherete i vostri sforzi.

      Che ne pensate di questi rimedi naturali?

  • ,

    Come lavare la bicicletta

    Una bicicletta pulita non solo è bella da vedere ma funziona anche meglio e viaggia perfino più veloce!
    Ecco alcuni consigli per pulirla e tenerla al meglio, 8 semplici passaggi che ti aiuteranno a preservare lo stato della tua bici.

    1
    Assicurati di posizionare la bici “in piedi”, questo ti renderà più facile la fase di pulizia.
    Munisciti poi di guanti, onde evitare fastidiosi residui di grasso e sporco ostinati da mandare via.
    Noi consigliamo i Guanti Colors 50, disponibili in verde o rosa, sono indicati proprio per i lavori manuali.

    2
    Usa un solvente spray, per sgrassare la catena, le ghiere del cambio e tutto il sistema di “trazione.” Per essere certo, spruzza il solvente fra ogni maglia della catena.

    3
    Ora è il momento di concentrarti sulla zona attorno alla catena per rimuovere tutto lo sporco che hai sciolto con acqua e sapone.

    4
    Con l’aiuto di una spugna e acqua saponata, lava il telaio. Spruzzalo con altra acqua e ripeti il procedimento se è necessario. Ricordati di passare la spugna anche sulle ruote, puoi sollevarle appoggiandole sopra un secchio in modo che siano completamente pulite.

    5
    Risciacqua accuratamente tutta la bici e procedi all’asciugatura.
    Asciuga la bicicletta con il Panno Giallo Microforato, assicurati di passarlo con cura ed eliminare insieme alle gocce d’acqua anche eventuali residui di gomma.

    Speriamo che questi consigli ti tornino utili e che sia pronto a tornare in sella!

  • ,

    Pulire balconi e terrazzi in 3 mosse

    La primavera è finalmente sbocciata e ha portato con sé la nostra voglia di tornare fuori al caldo e al verde della natura. Se avete un balcone o un giardino, è quindi il momento di tirarli a lucido e tornare a prendervi cura delle vostre piante. In questo articolo vi spieghiamo come fare in poche facili mosse. Intanto assicuratevi di avere con voi Scopa 2in1 Garden e Guanti Protection, tra qualche riga vi diremo perché.

    1. Pulire, lavare e asciugare

      Dopo un lungo inverno, uscendo in giardino o in terrazza, è molto probabile che vi troviate di fronte a un cimitero di foglie morte e rami secchi, per non parlare del fango accumulato a causa del maltempo. Ripulire tutto può essere duro quindi vi suggeriamo di proteggere le vostre mani con i Guanti Protection, ideali per i lavori manuali più pesanti. Ora rimbocchiamo le mani e sfoderiamo la Scopa 2in1 Garden – adatta agli esterniper far piazza pulita dello sporco accumulato in poco tempo. Dopodiché passiamo alle maniere forti, se avete una canna dell’acqua è il momento di usarla. Lavate a fondo il pavimento e non dimenticate di andare anche sotto i vasi.

    2. Operazione “bonifica”

      Passiamo alla rimozione definitiva di ospiti indesiderati. Usate dei dissuasori, delle strisce di carta di alluminio o qualche altro espediente per tenere lontani i piccioni, in questo modo eviterete di trovare le loro feci dappertutto. Per insetti e parassiti invece potete utilizzare una soluzione di acqua tiepida e sapone di Marsiglia.

    3. Ombrelloni da giardino

      Se avete uno spazio esterno abbastanza grande da ospitare qualcuno, probabilmente avrete anche un ombrellone, ideale se organizzate barbecue o semplicemente per godersi un po’ di aria fresca all’ombra. Questi però si sporcano facilmente a causa dei piccioni e delle piogge, per pulirli utilizzate un prodotto adatto o semplicemente del sapone di Marsiglia e sfregate con l’aiuto di una spugna, come Spugna Ondattiva Naturale.

    Bene, non vi resta che inaugurare la bella stagione, magari con un bel barbecue e, se volete sapere come pulire anche quello, date un’occhiata al nostro articolo 3 modi per pulire il barbecue.

  • ,

    Pulizie di primavera in 5 mosse

    Pulizie di primavera in 5 mosse

    Ok ci siamo, abbiamo rimandato a lungo, ma adesso le scuse non saranno più sufficienti: è arrivato il momento di fare le pulizie di primavera. Secondo la nostra Vileda Spring Cleaning Survey, uno studio sulle abitudini degli europei riguardo le pulizie primaverili, è emerso come in Italia questa pratica sia più diffusa che nel resto d’Europa, infatti, l’80% di italiani svolge questo tipo di pulizie.

    Nessuno ha detto che sarebbe stato facile, ma nessuno ha detto che non potete organizzarvi a dovere. In questo articolo vi spiegheremo come fare e, se cercate la giusta motivazione, pensate alla soddisfazione e il senso di liberazione finale!

    Il nostro consiglio è quello di dividere le pulizie in base agli ambienti:

    1. Camera da letto

      Il centro del problema, il luogo in cui generalmente teniamo tutto il nostro guardaroba, pronto per il cambio stagione. Occupatevi di riporre maglioni e abiti pesanti negli appositi spazi e poi passate al letto. Lavate il piumone prima di conservarlo e sfruttate l’occasione per pulire il materasso.
      Sapevate che con il passare del tempo le pulizie di primavera diventano sempre più popolari in Europa, soprattutto tra i più giovani? Quando vi sentite stanchi e svogliati, pensate che non siete soli!

    2. Soggiorno

      Dedicatevi ora alla sala in cui ricevete gli ospiti. Cominciate dalle finestre e, per farlo, aiutatevi con Windo matic e il suo Set manico telescopico e lavavetri.
      Per quanto riguarda le tende, togliete via tutto e lavatele in lavatrice. Se occorre, potete aggiungere una buona dose di bicarbonato in lavatrice per farle splendere ancora di più.
      I pavimenti basta pulirli con l’aiuto di Turbo.

    3. Cucina

      Eliminate il superfluo dalla credenza e dai cassetti. Date una bella pulita alle posate e ai contenitori.
      Dopo aver pulito i mobili con Panno Microfibre Cucina, poggiate dei fogli di giornale nella parte alta, così la prossima volta che dovrete pulirla, vi basterà sostituire i fogli.
      Per la pulizia del forno invece potete riempire una teglia con acqua e qualche goccia di sapone, dopodiché accendete il forno a 100° e lasciate che la soluzione evaporando sciolga il grasso dalle pareti, poi potrete rimuoverne i residui con una spugna, noi suggeriamo Ultrafresh 2+1.

    4. Bagno

      Per quanto riguarda il bagno, oltre alla normale pulizia dei servizi igienici – per cui vi consigliamo spugna Glitzi Bagno, dedicatevi al lavaggio delle tende ingiallite della doccia. Non tutti lo sanno, ma anche queste possono essere lavate in lavatrice alla temperatura di 30°. Se notate la formazione di muffa in alcuni angoli della doccia o della vasca, potete utilizzare il bicarbonato di sodio oppure una soluzione di acqua, aceto e un bicchiere di succo di limone.

    5. Ripostiglio

      Se in casa avete anche uno sgabuzzino in cui conservare le cianfrusaglie, gli attrezzi e tutto ciò che non ha un posto fisso in casa, vi consigliamo di sfruttare l’occasione per ripulire gli scaffali e verificare che non vi sia nulla da buttare. Di solito il ripostiglio può diventare un cumulo di inutili cianfrusaglie di cui ci siamo dimenticati l’esistenza. Fate una bella scrematura di ciò che vi serve e riponete il necessario in alcune scatole per far posto e dare maggior ordine alla stanza.

    Voi come organizzate le vostre pulizie di primavera? Come dice la nostra ricerca, dopotutto noi italiani siamo i Campioni delle pulizie di primavera!

  • ,

    5 mosse per dire: allergia addio!

    La primavera è bellissima, sbocciano i fiori, le giornate si allungano, fuori fa caldo e poi ci sono le ALLERGIE.
    Starnuti e occhi rossi però non sono causati solo dai pollini, infatti anche la casa nasconde diversi agenti allergici, come la polvere. Per riuscire a trovare sollievo almeno in casa, ecco qui come fare.

    1. Eliminare la polvere

      Come prima cosa, per l’appunto, evitiamo la proliferazione degli acari a causa della polvere. Per farlo vi sconsigliamo di utilizzare una normale scopa perché potrebbe non essere sufficiente. Ricorrete invece a VR 102 oppure a Virobi.

    2. Anche dai filtri

      I filtri del condizionatore, accumulano un sacco di polvere, per evitare che azionandoli questa si disperda nell’ambiente, teneteli sempre puliti. Per farlo vi suggeriamo di smontarli e lavarli sotto l’acqua calda. Pulite per bene anche il ventilatore e, se avete bisogno di qualche consiglio, potete leggere questo articolo: Come pulire il ventilatore in 4 mosse.

    3. Attenti al frigo

      Anche il frigorifero prolifera di germi se non viene attentamente pulito. Questo accade a causa delle muffe che possono formarsi sui cibi e perché frutta e verdura tendono ad assorbire l’umidità.
      Quindi facciamo attenzione a non tenere roba guasta o ammuffita.

    4. Siamo parte del problema

      I vestiti, le scarpe, i capelli e gli ombrelli che portiamo in giro per svariate ore, si impregnano di smog e sporcizia proveniente dall’esterno. Per questa ragione è bene che anche noi limitiamo i danni non portando le scarpe in camera da letto, per esempio, o non sporcando il letto con i vestiti che utilizziamo all’esterno.

    5. Non dimentichiamo l’arredamento

      Passiamo ora ai mobili che dovranno essere periodicamente puliti con un panno come Panno Microfibre Polvere. Anche divano, cuscini e materasso sono un ricettacolo di acari per cui assicuratevi di lavare le fodere e di utilizzare il battipanni. Per il materasso potreste anche utilizzare un coprimaterasso antiallergico.

     

    Bene, in questo modo farete piazza pulita di germi e acari in casa vostra e potrete dare sollievo alle vostre allergie!

  • ,

    Turbo Smart e Turbo: un nuovo modo di pulire casa.

    Turbo Smart e Turbo sono i nuovi sistemi lavapavimenti firmati Vileda. Lo strizzatore integrato a pedale permette di attivare la centrifuga e di controllare il livello di umidità del fiocco, garantendo così una strizzatura perfetta senza fatica e lasciando le mani sempre asciutte. Grazie alla cornice rossa paraschizzi, inoltre, si eviterà la fuoriuscita di schizzi d’acqua.

     

    I due sistemi appartengano alla stessa famiglia, ma presentano alcune differenze:

    1. Il fiocco

      Entrambi i prodotti sono dotati di una piastra triangolare con snodo pieghevole che permette di raggiungere anche le zone più difficili da raggiungere, come negli angoli e sotto i mobili, ma offrono un fiocco e un manico diverso.
      Turbo Smart ha un fiocco realizzato in 100% microfibra con fibre bianche incredibilmente assorbenti e con ottime prestazioni pulenti su ogni superficie ed è dotato di un manico a 3 pezzi.


    Turbo
    , invece, ha un fiocco 2in1:
    – la fibra bianca, che presenta le stesse caratteristiche del fiocco di Turbo Smart;
    – la fibra rossa, che rimuove fino al 20% in più di sporco su tutti i tipi di pavimento.
    e possiede un manico telescopico.

    1. Il secchio

      I due prodotti hanno secchi con dimensioni e capacità differenti.

    Turbo Smart è più compatto per essere facilmente riposto anche negli spazi più piccoli e può contenere 5 litri.
    Turbo, invece, ha delle dimensioni maggiori e una capacità di 6 litri; inoltre, è dotato di un pratico appoggia manico.

    1. Sistema svuotafacile

      Entrambi i sistemi sono facili da svuotare dopo l’utilizzo ma con due modalità differenti:

    • Turbo Smart sfrutta una scanalatura laterale;

    • Turbo, invece, è dotato di un’apertura frontale.

    Entrambi sono dotati di una pratica impugnatura posta alla base del secchio.

    Turbo Smart e Turbo rappresentano la soluzione ideale per facilitare le pulizie domestiche. Voi quale preferite?

  • ,

    Bagno pulito e in ordine in 5 mosse

    Il bagno è la stanza della casa che merita più cure, sia perché è più facile che si sporchi, sia perché è il luogo in cui l’igiene è essenziale. Guanti alla mano – meglio se i nuovi Dermo Plus – e ora diamoci da fare. Ecco qui alcuni consigli per tenere il vostro bagno sempre pulito e ordinato.

    1. Ogni cosa al suo posto

      La parola d’ordine è: contenitori. Oltre a essere molto decorativi se colorati, i contenitori vi permetteranno di riporre tutti quei piccoli oggetti che in bagno non mancano mai, come pinzette, elastici per capelli, cotton fioc, trucchi e altro ancora. Anche gli asciugamani, in mancanza di ganci o mobili in cui riporli, sono molto decorativi se riposti in secchielli in alluminio.

    2. Se il posto non c’è, crealo

      Se avete un bagno di piccole dimensioni, non preoccupatevi, lo spazio si può sempre creare! Ad esempio, potete realizzare delle mensole nascoste da posizionare all’interno delle ante degli armadietti. Anche le ceste in vimini, oltre a essere molto belle da vedere in bagno, vi permetteranno di risparmiare un sacco di spazio se le attaccate alla parete.

  • ,

    Un alleato tra le stelle per le pulizie domestiche: il Sole

    Sapevi che è possibile sfruttare la luce del sole per le pulizie? Se la risposta è no, non preoccuparti, ti sveliamo qua alcuni piccoli trucchetti per sfruttare tutta l’energia di questa stella.

    1. Un fedele alleato contro lo sporco

      Le belle giornate sono l’occasione ideale per stare all’aria aperta ma non molti sanno che le proprietà del sole vanno ben oltre i primi accenni di abbronzatura. I raggi solari infatti possono essere un aiuto molto importante per le pulizie di casa. Scopriamo adesso come.

    2. Il materasso

      Il nostro letto è uno dei posti più soggetti alla proliferazione degli acari, amanti degli ambienti umidi e del buio. Quale miglior rimedio dei raggi solari? Togliete le lenzuola, spazzolate il materasso e lasciatelo al sole per circa 2/3 ore. Il caldo e la luce metteranno a dura prova gli acari che verranno così eliminati. Mi raccomando, non utilizzate questo metodo se il vostro materasso è in lattice perché potrebbe danneggiarsi. Passiamo adesso ai capi di abbigliamento.