• ,

    Come pulire le scale di casa

    Solo al pensiero di pulire le scale vi passa la voglia? Anche se è una delle faccende di casa meno apprezzate, non è un’impresa difficile quanto sembra. Le scale di casa, sia esterne che interne, hanno bisogno di attenzione e cura per sembrare come nuove. Ecco qui 3 modi per pulirle in base alla tipologia, e soprattutto senza stress!

    1 Scale di legno

    Sono sicuramente le più diffuse ed eleganti per rendere gli ambienti accoglienti, ma anche le più esigenti quando si parla di pulizia. Il nemico numero uno è la polvere che oltre a notarsi subito, si accumula facilmente sulle superfici in legno, rischiando di graffiarlo. Armatevi quindi di panno elettrostatico, noi vi consigliamo di inumidire Microfibre Polvere e di passarlo delicatamente sulle scale, evitate di usare troppi prodotti o cere protettive.

    2 Scale di metallo

    Di solito questo tipo di scale si trovano all’esterno, quindi dovete considerare che sono sempre esposte a pioggia e agenti atmosferici che possono rovinarle. Come fare per mantenerle pulite e splendenti tutto l’anno? Due alleati essenziali: acqua e sapone neutro. Per prima cosa eliminate lo sporco in eccesso aiutandovi con Scopa Multi Gomma, dopo averlo fatto immergete un panno come Pavimenti Giallo Microforato e strofinate su ogni gradino delicatamente, se necessario potete sciacquarlo e ripetere più volte.

  • ,

    Limone: quello che ti serve per pulire.

    Più naturale di così non si può: se anche a voi piace usare prodotti naturali per la casa, questo è l’articolo che state cercando. Come saprete le proprietà del limone lo rendono perfetto per sgrassare, pulire e disinfettare senza controindicazioni. Si può dire che è un vero e proprio detersivo fai da te, soprattutto quando ne avanzano un paio in frigo e non volete sprecarli. Qui sotto scoprirete come usarlo e quanto è versatile nelle pulizie di casa e cucina!

    1 Pulire il frigo

    Con il tempo il vostro frigorifero ha un odore cattivo? Attrezzatevi di panno microfibra, noi vi consigliamo Microfibre Colors e preparate una soluzione di acqua e limone spremuto. Passate quindi il panno imbevuto su tutte le superfici interne ed esterne del frigorifero. Per facilitarvi il lavoro potete anche riciclare una vecchia confezione di spray e spruzzarlo direttamente. Non è finita qui, potete usare questo metodo per pulire tranquillamente anche il vostro microonde.

    2 Vetri e specchi

    Anche in questo caso potete fare finalmente a meno dei tanti prodotti chimici. È tutto vero, perché potete realizzare da zero un detersivo che pulisca a fondo vetri o specchi con un risultato sorprendente. La ricetta è semplice: spremete due limoni e mescolatelo insieme a mezzo litro d’acqua, versatelo in un nebulizzatore e passate con una pagina di giornale la superfice. L’ultimo step, per migliorare ancora la brillantezza, è quello di utilizzare un panno per vetri come Panno Vetri, il risultato finale sarà incredibile! Dopo che avete tolto la polvere vi sembra che si sia spostata sul pavimento? Non dovete far altro che attivare Vileda VR201, pulirà tutto per voi, mentre potrete dedicarvi ad altro con tranquillità.

  • ,

    Guida su come pulire le valigie prima delle vacanze

    L’estate è alle porte e in tutte le famiglie inizia il conto alla rovescia dei giorni che separano dalle vacanze. È ancora presto per fare i bagagli e partire, ma è importante non trascurare la pulizia delle nostre valigie, probabilmente chiuse nel ripostiglio dall’anno precedente. Prendersi cura delle nostre fedeli compagne di viaggio è un buon modo per non rovinarle o rischiare che la muffa o i cattivi odori ci costringano a cambiarle. In questo articolo vi spieghiamo come fare!

    1 Iniziamo dall’interno

    Come prima cosa, se non lo avete fatto al ritorno dall’ultimo viaggio, usate l’aspirapolvere per rimuovere i residui di polvere e sabbia. Ricordatevi di controllare anche gli scompartimenti interni e le tasche, proprio lì spesso si nascondono carte e biglietti dimenticati. Per passare alla pulizia vera e propria dovete accertarvi del tipo di tessuto della vostra valigia, è un materiale sintetico o stoffa? Nel primo caso prendete un panno morbido e immergetelo in acqua e olio essenziale prima di passarlo sui tessuti, noi vi consigliamo Pannonuovo per la sua speciale composizione anti odore. Invece se l’interno è di stoffa potete usare lo stesso panno, ma imbevuto di acqua e sapone classico. Dopo aver seguito questo passaggio lasciate la valigia all’aria aperta per circa un giorno.

    2 Passiamo all’esterno

    Anche in questo caso i metodi cambiano dal tipo di materiale. Se avete un bagaglio rigido, di solito si tratta di plastica e quindi potete usare un panno multiuso come Panno Giallo Microforato che vi aiuterà a togliere lo sporco e a togliere i cattivi odori grazie alla composizione “Odor Stop”. Il piano d’azione cambia con borsoni e trolley di tessuto morbido che possono essere lavati in lavatrice. Invece per quanto riguarda i bagagli in pelle bisogna pulirli con un panno morbido come Microfibre Universal e un prodotto specifico per la pelle, ricordatevi di lasciarli asciugare all’aria aperta e allontanarli dalle fonti di calore.

  • ,

    Come rendere i giocattoli a prova di bambino

    Lo sappiamo tutti, quando entriamo in una casa dove vive un bambino lo capiamo subito dai giochi sparsi sul pavimento: il luogo per eccellenza dove giocano e spesso il meno igienico. Per quanto possiamo fare attenzione a pulire tutto quello che toccano, a volte non basta, per non parlare di cosa potrebbero mettere in bocca! Ma procediamo passo per passo, per tenerli al sicuro dai germi la prima cosa da fare è pulire con cura i loro giocattoli. Se li portano ovunque, li abbracciano e li appoggiano dove capita. Serve dargli una bella disinfettata ogni tanto! In questo articolo vi suggeriamo 3 modi per farlo senza sforzi.

    1 Che cosa va in lavatrice

    Chi non ha mai avuto un peluche? È il gioco più comune tra i più piccoli, ma è anche vero che la maggior parte è composta da un mix di cotone e poliestere, un vero e proprio nido per la polvere. Per sbarazzarvene prendete Panno Microfibre Plus Universal ed eliminate le macchie, aiutandovi con il bicarbonato. Dopodiché potete mettere direttamente i pupazzi in lavatrice. Per una pulizia ancora più profonda, aggiungete tre cucchiai di aceto bianco durante il risciacquo. Piccolo trucco: se il vostro peluche non è lavabile, basta metterlo in un sacchetto e lasciarlo in freezer per 24 ore: tornerà come nuovo!

    2 Lavarli a mano

    Tutto cambia con i giocattoli di plastica, in questo caso potete lavarli direttamente a mano con acqua calda e sapone per piatti (ricordatevi di risciacquarli bene). Se non volete rischiare con prodotti aggressivi armatevi di acqua e un cucchiaio di bicarbonato di sodio. Usate semplicemente un panno come Actifibre che si immerga bene nella soluzione, poi usatelo per pulire direttamente i giochi di plastica e di legno.

  • ,

    Pulire l’acquario: pochi passaggi e trucchi utili

    È vero, i pesci sono animali domestici che non necessitano di tanta cura, ma quando ci vuole ci vuole! Quindi per mantenerli sani e felici, vi insegniamo il metodo perfetto da utilizzare ogni 2-3 settimane per pulire l’acquario in poche mosse.

    1

    Per cominciare, trasferite i vostri amati pesci in un altro contenitore al sicuro e staccate la corrente all’acquario. Dopo aver eliminato l’acqua, iniziate a pulire le pareti affidandovi a Panno Vetri, vi garantirà un risultato perfetto e soprattutto senza aloni. Un piccolo consiglio: il sapone di Marsiglia è il vostro migliore alleato per lo sporco ostinato.

    2

    Non lasciatevi sfuggire i filtri, altrimenti l’acqua si sporcherà in fretta e dovrete ripetere tutto dopo pochi giorni. In questa fase se indossate Extra Sensation per proteggere le mani, basterà sciacquarli sotto l’acqua tiepida aiutandovi con le dita nelle zone più difficili. Nello stesso modo, per le piante e gli ornamenti seguite lo stesso metodo e usate del sapone se necessario. Alla fine avranno tutto un altro aspetto e l’acquario sembrerà più vivo!

  • , , ,

    Pulire le tende da sole? 3 soluzioni per togliervi il pensiero

    Anche quest’anno è arrivato il momento di dare una pulita alle tende da sole! Dopotutto a primavera inoltrata il bel tempo inizia a farsi vedere e le tende sono un salvavita per godersi un po’ di ombra e ripararsi dal caldo. In questo articolo vi suggeriamo come togliervi il pensiero con tre metodi infallibili.

     

    1. Senza smontare

    Se non vivete in un condominio e non date fastidio a nessuno, potete agire direttamente sulla tenda senza doverla smontare. Quindi armatevi di una spugna poco abrasiva, Aqua è lo strumento perfetto per questo compito e la fibra verde ha una speciale azione antibatterica sui tessuti. Immergetela in un mix di acqua tiepida e sapone, in questo modo rimuoverete lo sporco più evidente. Dopodiché usate direttamente un getto d’acqua per rimuovere l’eccesso, la pressione dell’acqua farà praticamente tutto il lavoro!

    1. In lavatrice

    Abitate in un condominio e non volete problemi con i vicini? Vi basterà semplicemente smontare la vostra tenda e lavarla in lavatrice. Fate sempre attenzione in questa fase e nel caso chiedete un consiglio al vostro installatore. Dopo che avrete tolto le tende dai supporti mettetele in lavatrice e impostate un lavaggio classico non superando i 30 gradi. Attenti però, per una pulizia perfetta prima di lavarla passate un panno umido come Panno Giallo, solo così lo sporco sarà solo un ricordo. Se vi accorgete di aver sporcato il pavimento durante questa fase, vi basterà avviare il Robot Aspirapolvere VR302 in modalità “Max” così pulirà per voi con una potenza di aspirazione aumentata e con massime prestazioni. Un vantaggio delle tende è che potete rimontarle senza dover aspettare che asciughino, faranno tutto loro al sole!

  • , , , , ,

    Come salvare i vestiti dalle macchie di fango

    Piogge primaverili ed è subito allarme fango, soprattutto quando parliamo dei più piccoli che amano correre e giocare all’aria aperta in questa stagione. In vostro soccorso ecco i nostri suggerimenti per rimuovere le macchie di fango più ostinato.

    1

    Quando vi trovate a dover pulire queste tipo di macchie, aspettate sempre che il fango si sia asciugato prima di rimuoverlo dai vestiti. Per proteggere le mani dallo sporco potete indossare Guanti Confort Extra così da iniziare a rimuoverlo con una spazzola con setole dure e sapone di Marsiglia. Questo passaggio è molto importante, senza il pretrattamento la macchia difficilmente verrà eliminata. Nel caso in cui il fango sia entrato in profondità lasciate a mollo il capo per qualche minuto prima di passare al lavaggio vero e proprio. Se vi accorgete di aver sporcato il pavimento durante questo passaggio, vi consigliamo di usare VR102, ci penserà lui ad aspirare tutto lo sporco mentre voi potete passare allo step successivo!

    2

    Completate lo smacchiamento in lavatrice con un lavaggio classico. Cercate di lavare ad alte temperature, utilizzando il dosaggio “Capi molto sporchi”. Attenti però, ricordatevi sempre di controllare l’etichetta del capo prima di avviare la lavatrice. Se per esempio il capo è lavabile solo a secco affidatevi a dei professionisti del mestiere per non fare danni.

    3

    Infine, dopo aver eliminato definitivamente ogni traccia di fango, potete concludere con l’ultimo step: la stiratura. Per prendervi cura dei vostri capi il nostro consiglio è di utilizzare Park&Go, fatto su misura per tutte le esigenze e dotato di poggiaferro termoresistente.

    Adesso che vi abbiamo svelato questi trucchetti, come vi goderete al meglio l’aria aperta senza paura del fango?

     

  • ,

    3 passaggi per mettere a nuovo il ventilatore

    La bella stagione è alle porte (anche di casa) e le temperature al chiuso iniziano ad alzarsi. Per difendersi dal caldo ormai in tanti cercano soccorso nei ventilatori, così da godersi qualche minuto di relax a casa. Prima di iniziare ad usarli è bene controllare che non abbiano sporcizia che potrebbe rovinarli.

    Ma come pulirli al meglio senza fatica? Ecco i 3 passaggi di cui hai bisogno.

     

    1. Preparazione

    Per prima cosa trovate una superficie adatta su cui posizionare il ventilatore e staccate la spina. Munitevi di un secchio d’acqua con sapone, un panno e un cacciavite. Smontate quindi le griglie protettive e le pale, solo così pulirete il tutto a fondo. Attenti perché in alcuni casi il cacciavite non è necessario e vi basterà applicare una leggera pressione. Può sembrare un’impresa complicata, ma è un gioco da ragazzi!

     

    1. Pulizia

    Quando avrete smontato le pale di plastica basterà pulirle con acqua e sgrassatore. In questo step potete affidarvi al Panno Giallo Microforato che vi aiuterà a rimuovere lo sporco più velocemente. Nel caso in cui le pale siano di in alluminio, usate invece un panno elettrostatico, Panno Microfibre Polvere è l’ideale per non danneggiarle.

     

    1. Fase finale

    Dopo aver rimontato le pale, terminate la pulizia con Panno Actifibre e un agente pulente per rimuovere polvere e sporco dalla parte portante del ventilatore.

    Una volta sistemati i pezzi il gioco è fatto!

    Come vi sembra ora rilassarvi all’aria fresca e pulita del vostro ventilatore?

  • , , ,

    Come pulire il climatizzatore dell’auto

    Il caldo è finalmente arrivato e iniziamo a sentire l’esigenza di attivare i climatizzatori dell’auto. Ricordiamoci però che l’aria che esce dai bocchettoni proviene dall’esterno e quindi può essere ricca di sostanze nocive e inquinanti. Per questa ragione è importante pulire regolarmente il climatizzatore e in questo articolo vi spiegheremo come.

    1. Pulire i filtri
      I filtri sono un elemento importantissimo per il climatizzatore dell’auto, questi servono a purificare l’aria sporca proveniente da fuori, per questa ragione però, possono ostruirsi con il tempo. Per risolvere il problema è necessario rimuoverli (consultate le istruzioni per farlo), poi puliteli utilizzando un detergente apposito e un aspiratore. Aiutatevi anche con un panno come Asciugapiù, delicato sulle superfici. Una volta l’anno, inoltre, è buona norma cambiare i filtri per assicurarsi che funzionino sempre al meglio.
    2. Attenzione al cattivo odore dell’aria
      Può capitare che, accendendo l’aria condizionata, avvertiamo cattivo odore provenire dai bocchettoni. Oltre al filtro, quindi è utile pulire anche loro periodicamente nebulizzando. Per farlo vi occorrerà uno spray apposito, dopodiché smontate il filtro e nebulizzate per circa 60 secondi nel vuoto rimasto. Assicuratevi di tenere i finestrini abbassati e il sistema di aerazione acceso sull’aria fredda, al minimo. Dopo aver svolto questa operazione, tenete accesa l’aria per circa 5 minuti in modo da far agire bene il prodotto e fate arieggiare l’abitacolo per un po’.

    Per la pulizia del resto dell’auto, noi vi suggeriamo di ricorrere ai panni Colors 8pz che, grazie alla varietà di colori, vi permetteranno di distinguerli in base al loro utilizzo: finestrini e parabrezza, interni, sedili, ecc..

    Se questi consigli vi sono stati di aiuto, fatecelo sapere!

  • ,

    5 oggetti che (forse) non sapevi fossero così sporchi

    Quante volte al giorno sentiamo la necessita di lavarci le mani? Dopo aver preso i mezzi pubblici, dopo essere stati in bagno o dopo essere stati a contatto con particolari oggetti esterni. Questo perché germi e batteri sono sempre in agguato, ma forse troppo spesso dimentichiamo che questi proliferano anche in casa nostra. Ecco qui una serie di oggetti che usiamo tutti quotidianamente e che forse non sapevamo essere così sporchi. In questo articolo vi spiegheremo come eliminare ogni traccia di germi e batteri.

    1. Pulite con le spugne, poi pulite le spugne
      Con le spugne è così, un circolo vizioso di germi. Queste contengono circa 10.000.000 di batteri a causa dei resti di cibo, olio e grasso. Più usiamo le stesse spugne, più rischiamo di sporcare invece che pulire. Il nostro consiglio è quello di utilizzare la nostra nuova spugna Ultrafresh 2+1, con doppio trattamento antibatterico per una doppia protezione che rende l’abrasivo più igienico più a lungo e di ricordarci di sostituirle frequentemente.
    2. Lavate e asciugate i rubinetti
      Incredibile ma vero, i rubinetti, che sembrerebbero uno dei posti più puliti del nostro bagno, in realtà sono un vero e proprio covo di germi. Volete sapere perché? Dopo aver utilizzato il wc, apriamo il rubinetto per lavarci le mani, trasportando su di lui i germi del gabinetto. Dopodiché, con le mani pulite, richiudiamo il rubinetto tornando così in contatto con i germi e i batteri che avevamo lasciato sul rubinetto.
      Il nostro consiglio è quindi quello di lavare frequentemente i rubinetti e asciugarli dopo ogni uso, per esempio con Panno Microfibre Bagno, l’umidità è alleata dei batteri e ne aiuta la crescita.
    3. “Congelate” i peluche
      Se avete dei figli piccoli, sappiate che i peluche possono essere molto pericolosi per loro, questi infatti sono un vero e proprio nido di germi e batteri. Per quanto sembri strano da dire, “congelarli” è la soluzione migliore per eliminarli, in quanto le basse temperature li uccidono. Per questo vi suggeriamo di metterli in un sacchetto e infilarli in freezer per un uno o due giorni dopodiché lavateli in lavatrice.
    4. Cambiate il pigiama
      Molte persone tendono a tenere lo stesso pigiama per più di una settimana, in realtà questo può causare infezioni alla pelle o alla vescica. Durante il sonno infatti, non solo perdiamo la pelle morta, ma perdiamo anche molto sudore, tutto ciò viene quindi riverso sul nostro pigiama. Il nostro consiglio? Cambiatelo ogni 3 giorni!

    5. Anche ai germi piace la moda
      Le borse, oltre che i nostri effetti personali, trasportano migliaia di germi. Fermatevi un attimo a pensare a tutti i luoghi in cui le avete appoggiate: mezzi pubblici, pavimento, bagni, ecc… Ricordatevi che è quindi necessario prendersene cura e pulirle attentamente in base alle loro esigenze. Potete ad esempio utilizzare un panno, come Universal e prodotti contenenti aceto per eliminare ogni batterio.

    Conoscevate le minacce nascoste in questi oggetti?